La lavorazione - Samarelli Giuseppe Antonio

Vai ai contenuti

Menu principale:

La lavorazione

                                                     La lavorazione

  La lavorazione delle terrecotte che produciamo è rimasta quella di sempre.
  L’argilla detta comunemente creta, è un materiale formatosi nel corso di milioni di anni dalla decomposizione di rocce minerali, infatti noi la scaviamo direttamente dalle nostre campagne, la portiamo nel nostro laboratorio e dopo averla fatta seccare la impastiamo con l’acqua creando un impasto modellabile.
  E’ questo impasto, da noi forgiato sul tornio, che da origine ai tegami, pignatte, piatti,  bicchieri, coppette, salvadanai, vasi e tutto ciò che è tondo.
  I tegami da cucina, una volta realizzati, vengono fatti asciugare, disposti i manici, regolato il fondo ed infine vengono fatti essiccare e cotti una prima volta a 800 gradi nella nostra secolare “fornace” (alimentata con bucce di mandorle), in cui accumuliamo circa 3500 pezzi per volta.
  Dopo la prima cottura i tegami e le “pignatte” (detti biscotti) vengono spolverati e smaltati uno alla volta ed infine vengono cotti nuovamente in un forno a gas alla temperatura di 940 gradi.
  Al termine di tale ultima cottura il prodotto è pronto per essere venduto.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu